“La storia sui muri” su La Nuova Museologia

Posted on

La rivista di settore La Nuova Museologia  ha pubblicato nel suo numero di giugno un’articolo scritto a sei (ben sei!) mani da Daniele Auditore, Bruno Goppion e Camilla Marchioni, membri di Joint Arts, che ripercorre il contesto disciplinare, la ricerca, l’allestimento e le possibilità future di La storia sui muri.

La rivista, diretta dal museologo e paleontologo Giovanni Pinna, si rivolge a tutti coloro che operano nei musei o che si interessato di museologia per dare voce a una nuova corrente che vede i musei andare al di là del loro ruolo conservativo, per riprenderne la funzione di aggregatore sociale e spazio di educazione e partecipazione per la cittadinanza.

Principi che hanno informato la filosofia dietro La storia sui muri, che vuole mettere i bolognesi in contatto con una parte fondamentale, ma spesso disprezzata, della loro storia locale e dello spazio pubblico cittadino.

Sui muri troviamo una giungla di scarabocchi, scritte, disegni e opere d’arte fatte da ignoti autori, scrittori, pittori e artisti della più ampia schiera. Spesso ci passiamo a fianco ignari o disattenti.
Altri invece li vanno a cercare, sapendo che nelle mappe cittadine si trovano veri e propri tesori che sottostanno alla regola di essere esposti alle intemperie – condannati quindi a una caducità intrinseca – e di essere realizzati per lo più illegalmente; il che rende chi li osserva complice di contemporanei Robin Hood, ma nello stesso tempo cosciente di ammirare opere di un valore artistico e storico tale da poter entrare idealmente in un museo e che raccontano molto più di ciò che si vede.

Scarica qui l’articolo

Leggi il numero di giugno de La nuova museologia

© Joint Arts 2016

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *